Veneto

Francesco Guarino, presidente della sezione veneta di AsNAS ha concluso lo scorso mese di febbraio un'importante e innovativa esperienza formativa. Grazie al primo corso sulla trasformazione digitale nella salute pubblica organizzato dalla SItI e dalla Fondazione Mondo Digitale con il supporto non condizionante di MSD Italia, il giovane collega veneto ha vissuto tre appuntamenti intensivi tra dicembre 2018 e febbraio 2019 per esplorare le potenzialità delle tecnologie digitali nella prevenzione e nella cura delle malattie. Si è trattato di una formazione specifica per i professionisti della sanità pubblica sviluppata in ambienti digitali di apprendimento, con strumenti immersivi e di automazione. Il percorso si è concluso con una maratona creativa di sviluppo per comunicare il valore delle vaccinazioni.

Dalla tecnologia blockchain per un'anagrafe vaccinale regionale alla progettazione di gadget intelligenti per rinforzare la comunicazione del medico di famiglia: grazie al corso promosso dalla Società Italiana di Salute Pubblica (SItI), 24 giovani professionisti della salute (tra cui 8 specializzandi in igiene e 5 appartenenti alle professioni sanitarie) hanno esplorato le potenzialità delle tecnologie digitali nella prevenzione e cura delle malattie e hanno lavorato insieme allo sviluppo di soluzioni innovative per la salute pubblica, per rendere i servizi più resilienti, accessibili ed efficaci.

La formazione digitale degli specialisti di Sanità Pubblica è stata possibile grazie al supporto non condizionato di MSD Italia che si è dimostrata sensibile alla proposta di SiTI e Fondazione Mondo Digitale.

Come ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di MSD Nicoletta Luppi in occasione dell’assegnazione del premio Digital Awards di About Pharma “La Trasformazione Digitale è parte integrante della declinazione del nostro concetto di Innovazione a 360° grazie alla nostra offerta qualificata e all’avanguardia di canali, tecnologie e servizi disegnati sui bisogni dei pazienti e dei professionisti della sanità, con l’obiettivo ultimo di generare valore per il Servizio Sanitario Nazionale”.

Con sei appuntamenti intensivi e circa 50 ore di formazione, tra dicembre 2018 e febbraio 2019 la SItI ha sperimentato la formazione specifica per i professionisti della sanità pubblica negli ambienti digitali di apprendimento della Palestra dell'Innovazione della Fondazione Mondo Digitale. Il corso "La trasformazione digitale nella salute pubblica" si è concluso sabato scorso con una maratona creativa di sviluppo per comunicare il valore delle vaccinazioni. A supporto del lavoro comune la metodologia Lego Seriuos Play.

Big data, IA, machine learning, IoT, blockchain, mixed reality, social media: a 24 professionisti che si sono iscritti al corso di formazione proposto dalla SItI, provenienti da settori diversi (asl, centri vaccinali, università ecc.), è stata offerta una formazione esperienziale su alcuni sviluppi tecnologici di frontiera come strumento concreto a supporto della ricerca scientifica e dei servizi di igiene, dalla sensibilizzazione all'erogazione. Le diverse sessioni formative si sono svolte presso la Palestra dell’Innovazione della Fondazione Mondo Digitale, dotata di diversi laboratori ad alto contenuto tecnologico: ogni sessione tematica, arricchita da mini talk scientifici, è stata completata da un laboratorio pratico per la contestualizzazione e l'applicazione delle tecnologie presentate (tra cui anche anagrafi vaccinali e registri di patologia).

"Applicazioni innovative portano più persone a vaccinarsi? Convincono più persone a partecipare alle attività di screening? Nelle prossime settimane valuteremo i risultati emersi dalla Digital Academy per studiare risposte concrete anche alle criticità croniche del sistema sanitario, dalle liste di attesa al sistema di prevenzione", spiega il prof. Carlo Signorelli, responsabile scientifico ECM del programma formativo, che ha coinvolto anche alcuni specializzandi.

"Siamo convinti che gli spazi digitali della Palestra dell'Innovazione siano l'ambiente ideale per sviluppare soluzioni innovative e inclusive di trasformazione digitale. Noi svolgiamo il ruolo di facilitatori, aiutando a progettare l'innovazione sociale", aggiunge Alfonso Molina, Personal Chair in Technology Strategy, Università di Edimburgo, e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale, che ha messo a disposizione oltre agli spazi, anche formatori, modelli e metodologie.

All'indirizzo mondodigitale.org/it/formazione/digital-academy il programma del corso e alcune interviste ai protagonisti.

Tra le novità portate dai nuovi membri del Consiglio Direttivo della Sezione Veneto in questo primo anno di mandato è risultata molto apprezzata la newsletter dedicata agli iscritti veneti.

Gli studenti del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria dell'Università degli Studi di Padova si raccontano.

“Chi è l’Assistente Sanitario?” è la domanda standard continuamente posta a noi studenti frequentanti il Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria. È automatico per noi rispondere “prevalentemente vaccini”, per poter soddisfare rapidamente quello che ci viene richiesto.

Non è possibile però limitare il tutto in una risposta secca e far cadere nel vuoto quello che realmente c’è dietro, quello che facciamo e soprattutto ciò in cui crediamo.

La vaccinazione infatti rappresenta solo una delle attività proprie dell’Assistente Sanitario e rientra in un ambito molto importante che è quello della prevenzione.

La prevenzione però non consiste soltanto in un insieme di interventi effettuati col fine di conservare lo stato di salute per evitare l’insorgenza di patologie: la prevenzione è una forma mentis, un modo di pensare ed una concezione della vita che ha come oggetto di interesse la persona all’interno della comunità, in un determinato contesto sociale. Chi opera nel campo della prevenzione ha la consapevolezza e la coscienza di far parte di una realtà molto più complessa, che spesso coincide con quella della Sanità Pubblica: sulle spalle non avremo quindi la responsabilità di un singolo individuo, ma dell’intera collettività.

Essere professionisti in questo campo significa avere la costante consapevolezza di contribuire allo stato di benessere di tutti, non di una sola persona. Tale responsabilità deve essere quindi affidata a figure professionali competenti, capaci, preparate e formate al meglio.

Gli Assistenti Sanitari che lavorano in questo ambito sono chiamati ad avere tutti questi requisiti e conseguono una laurea che li istruisce e li abilita all’esercizio della professione. Cosa vuol dire essere “abilitati all’esercizio della professione?”. Non è una semplice carta con il titolo di Dottore, non è una semplice cerimonia con la corona d’alloro. È un concetto che trasuda di responsabilità, competenza e conoscenze basate unicamente su quella che è l’evidenza scientifica.

Organi

AsNAS Sez. Veneto
via Marsala, 20
36027 Rosà (Vicenza)

E-mail: veneto@asnas.it

Presidenza
Guarino Francesco
E-mail fraguarino92@gmail.com 

Vicepresidenza
Russo Carmela

Segreteria
Bernardi Giulia
E-mail
seg.asnasveneto@gmail.com  

Tesoreria
Pierbon Marco

Modalità di versamento della quota associativa 

Bonifico Bancario
IBAN: IT 25 V 05034 59410 000000000248
Intestato a: AsNAS Sezione Veneto
Causale: Quota associativa (specificare anno) Cognome Nome

oppure

Contanti
in occasione dell'Assemblea dei Soci