Sezioni regionali

Sono stati presentati oggi (14 novembre) a Bolzano dei manuali per evitare incidenti domestici in età pediatrica

I bambini devono poter crescere sereni e possibilmente al sicuro: è quanto auspicano genitori, assistenti e collaboratori dei servizi sanitari. Per questo, per evitare incidenti, si è pensato all’elaborazione di una check list, in formato manuale, da distribuire in tutte le strutture sanitarie ed ambulatori pediatrici. Oltre a ciò ci sono delle brochure con semplici consigli per prevenire gli infortuni in età infantile fino ai 6 anni.

Livia Borsoi del Dipartimento prevenzione ha riportato i saluti della Direttrice infermieristica che, a causa di altri impegni precedentemente presi, non ha potuto essere presente ed ha sottolineato quanto siano frequenti gli infortuni domestici nei bambini e nelle persone anziane: “Opuscolo e dépliant possono costituire un valido aiuto di prevenzione” ha dichiarato.

Lukas Waldner, assistente sanitario presso il Distretto sanitario a Merano, ha elaborato i testi in collaborazione con le colleghe degli altri Distretti sanitari e spiega: “Sono anch’io padre di un bambino in età pediatrica e posso quindi confermare quanto siano scopritori ed esploratori i bambini piccoli; gattonano, corrono scatenati, s’arrampicano, saltano. Per i genitori non è sempre facile vigilare su di loro, li perdi d’occhio un attimo ed è già successo.

I giorni 17 e 18 novembre 2017, i Collegi e le Associazioni Professioni Sanitarie dell’Alto Adige, hanno deciso unitamente di organizzare, presso l’EURAC di Bolzano, il convegno ”Le professioni sanitarie insieme in Alto Adige, innovazione, sostenibilità, sfide future come risposta ai bisogni dei cittadini”.

Nella giornata di venerdì 17, relatori appartenenti alle diverse professioni sanitarie, presenteranno, quali esempi di eccellenza, esperienze e progetti, in ambito locale, nazionale e internazionale.

Sabato 18 novembre è prevista una tavola rotonda alla quale parteciperanno rappresentanti politici e rappresentanti delle professioni sanitarie sia locali, che nazionali. Sarà un momento di confronto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie, dal quale auspichiamo, potranno emergere spunti di riflessione, ma anche elementi concreti su cui basare future decisioni.

Test qualitativi e addestramento periodico del personale sono gli elementi vincenti nella gara per le forniture ospedaliere dei Dispositivi di Protezione Individuali per le vie respiratorie. Lo spiegano, nell'articolo pubblicato su AboutPharma nell'edizione di giugno 2016, i colleghi Thomas Bisaglia e Debora Turolla, Assistenti sanitari del servizio di Igiene ospedaliera – Direzione medica – Ospedale di Bolzano, insieme al loro responsabile, Vicedirettore medico, dott.ssa Mirella Bombonato.

La formazione è garantita dalla collaborazione di uno o più tecnici formatori della ditta fornitrice e dagli assistenti sanitari del Servizio d’igiene ospedaliera della Direzione medica, che curano interamente l’organizzazione degli eventi. 

Ogni incontro formativo dura circa settanta minuti, così suddivisi:

  1. parte teorica con proiezione di diapositive, attraverso le quali si affrontano temi riguardanti normative e certificazioni, cenni di fisiologia respiratoria e caratteristiche tecniche del prodotto
  2. sezione video, riguardante il corretto indossamento del dispositivo
  3. sezione pratica, che guida ogni operatore al corretto indossamento
  4. fase finale con esecuzione del FIT-test e relativa validazione.

Scarica l'articolo da questa pagina.

Rilevazione delle necessità e qualità dei consultori materno-infantili dei Distretti sanitari dell’Alta e Media Val Venosta come pure di Naturno e Circondario

Il totale delle nascite nei Distretti sanitari dell’Alta e Media Val Venosta nonché di Naturno, nel 2015, è stato di 472 bambini.
L’86 per cento dei loro genitori sono venuti almeno una volta nei consultori materno-infantili dove sono state offerte 4.706 consulenze. Per poter tenere adeguatamente conto degli sviluppi sociali e delle concomitanti mutate necessità, nella seconda metà del 2015 è stata condotta una raccolta-dati. I dati sono stati rilevati in forma anonima per mezzo di un questionario (multiple choice e domande aperte) nei complessivi nove ambulatori dei consultori materno-infantili. Destinatari sono stati i genitori di neonati dal quarto mese di vita; in 213 hanno risposto al questionario.

Risultati
Di quest’offerta di consulenza i genitori sono stati per la maggior parte informati attraverso il personale ospedaliero (63 per cento) o con il passaparola (38 per cento). Il 24 per cento conoscevano già il servizio da precedenti esperienze. I consultori materno-infantili sono stati frequentati dai genitori ad intervalli regolari (63 per cento) o per necessità (37 per cento). Il 54 per cento dei genitori preferisce orari prestabiliti, l’8 per cento degli intervistati preferisce una consulenza su appuntamento ed il 38 per cento ambedue le possibilità di accesso.
Circa il 97 per cento degli intervistati ha dichiarato di accedere al consultorio per il controllo della crescita e dello sviluppo del bambino. L’80 per cento per informarsi sull’alimentazione del neonato o del bambino, il 56 per cento per consulenza e per l’accudimento. Nelle loro preoccupazioni, i genitori si sono sentiti capiti da parte delle assistenti sanitarie in 97 casi su 100. Il 91 per cento di genitori è rimasto soddisfatto delle risposte ricevute dalle consulenti. Il 99 per cento dei genitori ha dichiarato di aver lasciato il consultorio con un maggiore senso di sicurezza. I genitori apprezzano in particolare la facile accessibilità gratuita al servizio, la costante professionalità a livello locale, la possibilità di ricevere consulenze per telefono e la reperibilità al bisogno.
Il 40 per cento dei genitori auspica un ampliamento degli orari di apertura e un po’ più di un terzo degli intervistati (il 36 per cento) la possibilità di avere visite a domicilio nei primi tempi.
Per Thomas Lechthaler i risultati sono motivanti: “Siamo contenti che i genitori siano molto soddisfatti del servizio.” In merito all’auspicato miglioramento del servizio, con l’ampliamento degli orari di apertura, precisa che si riferisce prevalentemente a due strutture di consulenza.
Anche le visite a domicilio nelle prime settimane di vita dei neonati vengono già offerte, secondo gli standard del Comprensorio sanitario di Merano; il compito è, in questo caso, di informare in futuro i genitori di quest’offerta già esistente.

Nella foto in alto a destra: assistenti sanitari (d.s.) Annamaria Kröss, Karla Stecher, Ingrid Stecher, Margot Teissl, Thomas Lechthaler

 

Articolo e foto tratti da: one - Il magazine dell'Azienda Sanitaria dell'Alto Adige; 12.12.2016 #04/16

AsNAS Veneto organizza l'evento formativo

UN VIAGGIO NEL MONDO DELLE VACCINAZIONI

Focus sulle schede tecniche e sulla farmacovigilanza

Padova, venerdì 31 Maggio 2019

 

L’evoluzione della società e della normativa in tema di sanità, si riflette sulla formazione di ogni singolo professionista sanitario, che è chiamato al costante aggiornamento delle proprie conoscenze per esplicare al meglio le proprie competenze. Competenze, che devono risultare sempre più specifiche per rispondere esaustivamente alla domanda di salute della comunità.

Questo evento, nasce con l’obbiettivo di soddisfare una richiesta di approfondimento scientifico dei professionisti Assistenti Sanitari operanti nei servizi di Sanità Pubblica. Solo grazie all'aggiornamento continuo, il professionista sanitario può costruire la propria identità professionale, tenendo come caposaldo la sua formazione di base.